Azione Della Comunità Europea per Combattere la Discriminazione

River

Azione Della Comunità Europea per Combattere la Discriminazione

In Italia, dal 1998, esiste una legislazione che riconosce per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi e prevede la possibilità di azioni civili contro tale discriminazione.
Il documento qui presentato definisce le linee principali delle due direttive emanate dal Consiglio d’Europa: la Direttiva 2000/43/CE, che attua il principio della parità di trattamento delle persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica, e la Direttiva 2000/78/CE , che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e condizioni di lavoro. Inoltre, il documento contiene una breve AnnualRep2003_it del Programma di azione comunitaria per combattere la discriminazione (2001-2006).
Nella relazione annuale 2003 sull’uguaglianza e la non discriminazione. Verso la diversità, dalla Commissione europea per l’occupazione e gli affari sociali, gli sforzi della Commissione europea per raggiungere l’uguaglianza razziale e la non discriminazione (pari opportunità sul lavoro e accesso all’istruzione, servizi pubblici e privati servizi; lotta alla discriminazione per religione, età, orientamento sessuale e disabilità). A tal fine è stato avviato un programma di azione comunitaria fino al 2006; tale programma, finalizzato alla lotta alla discriminazione, prevede la concessione di iniziative/attività di formazione, scambio di informazioni e sensibilizzazione su nuovi diritti e doveri. Il rapporto si compone di due parti: la prima parte (le direttive in materia di discriminazione razziale e parità di trattamento sul lavoro) fornisce un’analisi della situazione attuale e richiama l’attenzione su misure considerate esempi di buona pratica; la seconda parte si concentra sul programma di azione comunitaria per combattere la discriminazione (2001-2006).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.