Ce la Faremo Questa Volta?

River

Ce la Faremo Questa Volta?

Voto amministrativo agli immigrati

Il diritto di voto agli immigrati negli enti locali è stato promesso e poi revocato per ragioni di opportunità dal centrosinistra. Adesso dovrebbe avere i voti necessari in Parlamento: la proposta arriva da Alleanza nazionale, una forza politica non sospettosa dell’estremismo di sinistra. Chi si occupa di immigrazione sa che il diritto di voto amministrativo, attivo e passivo, è un passo molto importante per superare gli ostacoli all’integrazione. I politici locali dovranno considerare gli immigrati, non come una categoria debole, ma come possibili elettori, capaci di premiare e punire le loro politiche. Forse si svilupperà un gruppo di politici con permesso di soggiorno, sensibili ai problemi degli immigrati, attratti dalle diverse forze politiche.

Il progetto di Alleanza Nazionale ha un punto controverso, che è la condizione di dimostrare “di avere un reddito sufficiente per i tuoi e per i tuoi familiari” per avere accesso al diritto. Introduce un voto di censimento arcaico e crea un doppio binario di cittadinanza, perché il requisito non è più richiesto agli italiani. Inoltre è del tutto soggettivo e discrezionale: chi determina quanti euro sono necessari? In realtà, la disponibilità di un permesso di soggiorno “a numero indefinito di rinnovi” è di per sé una garanzia in tal senso; la Questura non è certo tenera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.